inter-90s

Calciatori e stile: 10 calciatori pionieri dello swag

Se guardi una partita di calcio qualsiasi di una serie maggiore qualsiasi la metà dei giocatori ha tatuaggi sul collo, tagli di capelli che sfidano la gravità e per andare al campetto di allenamento guida una supercar da 300k mentre si chiava una velina.

squad

Squad.

I raga che oggi giocano al pallone sono cresciuti con il gangsta rap e adesso sono amici di Drake quindi è normale e giusto che siano venuti fuori come Paul Pogba, ma prima di loro ci sono stati dei coraggiosi pionieri che hanno osato sfidare la normalità andando in giro apparecchiati come dei pagliacci a compiere le marachelle. Secondo noi si possono individuare almeno 10 pionieri dello swag che hanno in comune quasi tutti una predisposizione a non saper gestire proprio benissimo la fama e i soldi e che hanno spianato la strada per le generazioni a venire.

George Best

george-best

George Best aveva la triangolazione perfetta per essere un pioniere dello swag che consiste in: passione per la figa, passione per i vizi, passione per le automobili sportive. RIP.

Pelé

pele

Pelé ha swaggato così tanto semplicemente perché era talmente forte e amato che non poteva fare altro. Una volta l’arbitro ha provato ad espellerlo e per via della reazione dello stadio alla fine ha dovuto abbandonare lui il campo. Tantissimi soldi, tantissima fama, tantissimo tutto.

Diego Armando Maradona

maradona

Diego è tipo una rockstar, ancora adesso. Da giovane era ancora più swag che faceva i pippotti in campo e andava in giro tutto vestito Versace che sembrava uscito dal rococò.

Paul Gascoigne

gascoigne

Anche Gazza ha una storia spericolatissima e un’aura quasi leggendaria, è riuscito a spendere praticamente tutti i soldi che ha guadagnato in carriera, andava in giro a combinare casini vestito come uno zingaro (anche pieno d’oro come uno zingaro).

Ian Wright

ian-wright

Ian Wright è stato uno dei primi calciatori un po’ rap, si fumava mille cannette, aveva un dente d’oro e anche adesso se ci fai caso si veste come un ex-rapper che ha cambiato gusti e gli piacciono il jazz e il teatro.

Gli Spice Boys

spiceboys

Gli Spice Boys sono un gruppo di giocatori del Liverpool degli anni ’90 per i quali è stato coniato questo termine siccome erano un po’ delle dive: erano sotto con la moda (Jamie Redknapp e David James hanno anche posato per Armani), venivano regolarmente paparazzati sulle Ferrari piene di figa e sono stati tra i primi a spingere il calcio dentro il jet set.

Tino Asprilla

tino-asprilla-2

Si dice che Pablo Escobar abbia dato l’ok per il suo trasferimento in Europa. Tino ha posato nudo per una rivista, si è bombato praticamente tutte le attrici softcore dei paesi in cui ha vissuto per più di una settimana, ha sparato addosso a un posto di blocco, ha sparato per spaventare i compagni, ha sparato per festeggiare, è arrivato allo stadio in smoking e limousine, sembra il cv di Tupac.

La coppia colorata: Taribo West e Ibrahim Ba

ba-taribo

Taribo è stato uno dei calciatori più stilosi che si siano mai visti in Serie A, con le treccine colorate che cambiavano colore a seconda della maglia indossata. Adesso è diventato un pastore ma prima era infottato con la stregoneria e gli amuleti. Lo stesso vale per Ba che si colorava i capelli come Eminem e ha fatto vedere a una generazioni di giocatori noiosissimi come si poteva swaggare anche se si era abbastanza scarsi.

Hidetoshi Nakata

nakata3

Nel 1998 a Perugia ti capitava di vedere un giapponese con i capelli color bronzo vestito mega peso. Shock culturale. Sottissimo con la moda, adesso lo vedi spesso alle sfilate.

David Beckham

beckham-99-00

David Beckham è stato l’ultimo dei pionieri dello swag che ha praticamente iniziato lo swag moderno. Matrimonio mega pop con una pop star, outfit improbabili, tatuaggi tabbozzi e capigliature esotiche prima di tutti gli altri.

Se pensi che ci siamo dimenticati qualcuno tipo Bobo Vieri commentalo nei commenti.



Condividi questo articolo: