adidas creators juve

Creativi per il calcio del futuro: MBROIDERED

Se per caso sei stato in una grotta nel deserto fino ad oggi ti ricordo che stiamo promuovendo un’iniziativa top di creativity per cui puoi disegnare la terza maglia della stagione 2017/18 del tuo club prefe e se hai lavorato bene magari la vedrai addosso ai tuoi beniamini.

Tra i vari design del #TeamMarte che ci sono piaciuti e abbiamo deciso di spingere ci sono quelli dei nostri amici che sono creativi nella vita e si sono applicati al calcio per l’occasione, che il calcio del futuro ha bisogno di creativi. Uno di loro è Federico Maccapani che però lo conosci come MBROIDERED e hai già sentito parlare di lui su questo sito. Lo abbiamo intervistato e ci ha spiegato chi vince lo scudetto l’anno prossimo.

maccapani

Ecco hai capito?

Ciao Fede, come stai?

“Bene tu?”

Bene grazie. Spiega a chi non ti conosce chi sei e cosa fai.

“Sono un designer e art director di Varese e da 4 anni vivo e lavoro in Australia.”

Minchia l’Australia troppi insetti. Ma sei un italiano all’estero che sta facendo nella vita quello che voleva fare da grande?

“Onestamente sì perché sto sviluppando le mie idee e ci lavoro, che è quello che volevo fare.”

Volevi fare lo sviluppatore di idee?

“Intendo dire che il mio lavoro consiste nello sviluppare le mie idee e fare ciò che mi piace.”

Come sei finito a fare la serie ‘What If’ e le altre sturie design a metà tra lo stylo e il calcio?

@adidas x @rafsimonsofficial x Juventus 2016

A photo posted by Federico Maccapani (@mbroidered) on


Ecco un esempio di ‘What If’ che praticamente sono delle ipotesi mattacchione di maglie da calcio del futuro.

“Stavo tornando in Australia e in aeroporto a Dubai ho visto la terza maglia del Real Madrid fatta da Yohji Yamamoto e mi ha illuminato, perché ho pensato a quante storie matte si possono applicare al design di una maglia da calcio e a quanti mondi si possono incontrare (la storia del club, la città, la visione di un designer). Da lì ho cominciato a fare la serie di maglie da calcio ‘What If’.”

real-madrid-yamamoto

Questo invece è il ‘What If’ che però è successo davvero.

In Australia come è la situa pallone?

“È un po’ pietosa. Spero che nessun australiano legga quest’intervista. Vanno di più altri sport, però sta crescendo come in tutto il mondo.”

Abbiamo visto che hai collaborato con la Juventus per fare un design speciale di Creator Studio e c’era pure Pjanic, è simpatico?

“Si è simpatico ed è molto smart, parla 5 lingue tutte fluentemente quindi big up.”

mbroidered-pjanic

Può insultare gli avversari in tantissimi modi diversi.

Senti ma te che sei un raga dello stile e adesso anche un raga del calcio, spiega perché la jersey da calcio è diventata così hype negli ultimi anni.

“Perché i fashion si sono presi bene con lo sportswear. La maglia da calcio è nello stesso trip delle maglie un po’ streetwear coi mega loghi ed è il non plus ultra dell’estetica sportiva. Che poi in Italia e in Francia è da mò che la maglia da calcio viene indossata anche per andare in giro.”

E ma ti mettevi quella della tua squadra, adesso tutti si mettono tutto a caso. Tu sei tifoso?

“Sono tifoso dell’Inter ma siccome mi interesso di design mi piacciono anche altre squadre e altri club, ho una visione più generale, meno da tifoso.”

mbroidered-juventus-digicamo

Questa è la maglia digi-camo-Juve fatta da MBROIDERED.

Se i giocatori diventano troppo fashion anche in campo non è che i tifosi si incazzano?

“Secondo me un pochino si, infatti devono stare tranquilli almeno con le pettinature.”

Qual è la prima maglia da calcio che hai posseduto?

“Maglia dell’Inter con sponsor Fiorucci del 1993.”

Dennis-Bergkamp

Trpp forte Bergkamp che però non prendeva l’aereo perché c’aveva la caghetta.

Belli gli anni ’90. Qual è il decennio più peso dei vestiti del calcio secondo te?

“Gli anni ’90, proprio tutti dal 1990 al 1999. Però anche negli ’80 era peso, anzi il design era più sobrio quindi era meglio in un certo senso. Forse adesso come stile seguirei di più la corrente anni ’80.”

Visto che ormai ti sarai fatto un’idea di come funziona il design delle maglie da calcio dicci come si fa a disegnare bene una maglia, considerando che non è un indumento come gli altri ma è pieno di implicazioni emotive e non solo.

“Prima di tutto devi sempre pensare di fare un design senza tempo, deve andare bene adesso come tra 10 anni. Poi ci sono delle regole da rispettare, non solo dal punto di vista estetico. La maglia deve essere classificata come chiara o come scura, non può essere un mix (la UEFA ha delle regole severe poi non ti fa scendere in campo). La prima maglia deve essere completamente diversa sia dalla seconda che dalla terza. E poi ci sono diversi gruppi di persone che devi assecondare, come il club e lo sponsor e pure i tifosi.”

Chiudiamo con una previsione potente sul futuro della maglia calcio.

“Si tornerà alla lana.”

Che ottima cosa che ci sia tutta questa creativity attorno al calcio, se vuoi contribuire anche tu a questo movimento e magari diventare famoso disegna la tua maglia qui.



Condividi questo articolo: